Vantaggi operativi del BIM

Il BIM permette di superare le inefficienze tipiche del metodo progettuale tradizionale delle pratiche professionali convenzionali, permettendo per la prima volta nella storia delle costruzioni di realizzare la piena integrazione tra la fase progettuale e quella esecutiva. Tutte le valutazioni in termini di efficienza, controllo di processo e condivisione trasversale delle informazioni espresse in relazione alla fase di progettazione dell’opera, infatti, risultano valide, e anzi trovano la loro più efficace espressione, anche nel passaggio alla fase di materiale realizzazione della stessa. Selezione delle offerte, gestione degli approvvigionamenti, subappalti, contabilità industriale e lavori, cantierizzazione dell’opera, stato di avanzamento dei lavori: sono solo alcuni dei passaggi in cui la completezza e condivisione delle informazioni contenute in un modello tridimensionale sviluppato secondo l’approccio BIM traggono importanti vantaggi in termini di ottimizzazione e controllo di processi, costi e gestione delle eventuali varianti.

Differenze principali tra il BIM e la progettazione tradizionale

In un applicativo CAD tradizionale esistono solo linee e figure geometriche che non contengono nessun tipo di informazione o relazione; le modifiche e varianti devono essere apportate più volte, e soprattutto aggiornate in ogni tavola. Nel BIM, invece, il disegno rimane sempre al centro del processo progettuale.

A ogni oggetto vengono associati non solo valori geometrici e dimensionali, ma anche tutti i dati e i vincoli parametrici necessari.

L’utilizzo di un protocollo standard (IFC) consente di interfacciare tali informazioni con ulteriori dati – strutturali, impiantistici – e tecnico/gestionali – computi, preventivazioni, programmazione lavori, analisi di costi/budget, ecc. – creando una visuale organica del progetto in tutte le sue fasi concettuali, esecutive e gestionali.

L'ottimizzazione del processo rispetto al metodo tradizionale

I vantaggi del Building Information Modeling rispetto ai metodi tradizionali di gestione del progetto sono evidenti sia in termini di ottimizzazione dei flussi operativi che di produttività.

Il BIM non si limita ad ampliare la base dei dati contenuti nei modelli tridimensionali del progetto e le possibilità di condivisione degli stessi; proprio tali vantaggi, infatti, comportano importanti ricadute anche in termini di ottimizzazione dei costi. Accanto agli evidenti risparmi di tempo, altrettanto rilevante è la totale eliminazione degli errori, delle duplicazioni, delle interferenze, grazie all’aggiornamento in tempo reale di tutte le tavole di progetto in funzione delle varianti apportate, e la conseguente riduzione di errori e successive correzioni.

BROCHURE
VIDEO
IMMAGINI